User Pass Password Dimenticata? | Registrati

Benvenuto!

SUMMIT UE CAPI DI STATO E DI GOVERNO ZONA EURO PREVISTO STASERA

Grecia, Eurogruppo concede 3 giorni per aprovare le riforme

Richieste ad Atene credibilità e garanzie per terzo piano di salvataggio e la approvazione delle misure in Parlamento entro il 15 luglio

di Mimma Cucinotta


:: Uno Sguardo all' Europa

Dom 12 Luglio 2015 - 11:49


Immagine Principale



In foto al centro il nuovo ministro delle finanze greco Euclid Tsakalotos 

 

Aggiornamento ore 19.13 - Bruxelles -  L'Eurogruppo concluso da poco, ha concesso alla  Grecia un tempo massimo di tre giorni per approvare in Parlamento le misure richieste dai ministri finanziari dell'Eurozona,  per poter dare il via al terzo piano di salvataggio che Tsipras chiede.

Secondo il ministro delle Finanze finlandese Stubb,sono stati fatti molti passi avanti sulle condizioni dei  temi delle riforme in ordine alle privatizzazioni, pensioni e Iva che devono essere approvate entro il 15 luglio.

Il governo Tsipras lunedì dovrà rispondere se accetta o meno  questo accordo.

Al Vertice di stasera si approfondiranno i temi affrontati  in Eurogruppo per una valutazione collegiale dei capi di Stato e di Governo della zona euro e stabilire  una linea politica decisiva da adottare per la risoluzione della crisi greca. Sostanzialmente il punto è  solo uno, la decisione non è sulle misure, ma è politica.

 

Bruxelles, 12 luglio 2015  - La crisi greca non sembra trovare una soluzione. Alla valutazione preliminare del piano di riforme presentato ieri l'altro, dal governo Tsipras, pur con cautela sono state fatte considerazioni  positive, ed apprezzati gli sforzi che la Grecia con determinazione, sta facendo per arrivare a un accordo. Il pacchetto dunque appariva ben confezionato, per una buona base di partenza della discussione al vertice  tra i ministri economici sabato.
Invece all'Eurogruppo di ieri, i toni soprattutto del ministro delle finanze tedesco Wolfgang Schaeuble,  sono stati molto duri per un piano, ritenuto inaccettabile, non credibile privo di garanzie ed infattibile, per cui secondo il tedesco, la soluzione più  ovvia sarebbe la via della Grexit a tempo, per 5 anni. Atene comunque rimarrebbe nell'UE e avrebbe il tempo di ristrutturare il suo debito.
 La situazione  è  dunque, nettamente precipitata, i margini per iniziare a parlare di accordo, sono saltati, con l'allineamento di altri sei paesi, come la Finlandia ma anche i Paesi Bassi,  Slovenia, Slovacchia, Estonia,e Lituania, sulle stesse  posizioni della Germania. La Merkel, come riferiscono fonti europee dell'ultima ora, non sarebbe schierata, come invece si era diffuso ieri sera, con Schaeuble, sarebbe disposta ancora a trattare e dare il via libera all'accordo  con la Grecia, come del resto il presidente francese Hollande, lo stesso presidente dell'eurogruppo Jeroen Dijsselbloem, nonostante abbia espresso perplessità, non tanto sui contenuti e qualità  del piano , ma sull'effettiva capacità  del governo greco  di realizzarle, si dice    aperto ai negoziati con Tsipras,  anche per il superamento del problema  della fiducia, questione primaria nelle ultime ore, posta ieri all'inizio del Vertice e interrottosi  in salita alle 3 di notte . 
Per tutti questi motivi , il presidente del consiglio Ue Donald Tusk, ha annullato il Summit Ue a 28 previsto per oggi, in attesa di conoscere gli sviluppi sulla questione greca, che continuerà  ad essere discussa  al tavolo dell’Eurogruppo, fissato alle 16 di oggi pomeriggio, con l'auspicio  che possano riaprirsi  i margini di un accordo concreto, malgrado  il compromesso appaia molto difficile. 

 

 

11 luglio 2015 -  Bruxelles - Dopo il moderato ottimismo di ieri, sulla nuova proposta  di riforme strutturali greca, espresso dal  presidente francese, Hollande ed  anche dallo stesso presidente dell'Eurogruppo, Dijssembloem, all’Eurogruppo di oggi pomeriggio la situazione per Atene sembra essersi complicata.

Il problema è, la “fiducia”, il piano “non può essere preso sul serio perché è  infattibile”,secondo  il ministro tedesco , Wolfgang Schaeuble, che avrebbe proposto una Grexit per cinque anni, il tempo necessario perché  Atene possa ristrutturare il suo debito. Ovvero una “uscita a tempo” per cinque anni dall’Eurozona della Grecia per  ristrutturare  i suoi debiti, ma restando nell’Ue. Oppure la Greca  può percorrere una seconda strada, migliorare le misure rapidamente  e in modo completo, con il pieno sostegno del parlamento e trasferire 50miliardi a un fondo trust. La posizione di Schaeuble, sarebbe stata concordata con la cancelliera tedesca Angela Merkel.

La Francia,  invece continua un ruolo di mediazione sulla Grecia.  "Il governo greco - ha detto il ministro delle Finanze Michel Sapin - ha mostrato determinazione. Ora Atene deve dare risposte precise su come e quando saranno realizzate le riforme, …  necessarie le  garanzie che ciò che è stato promesso sarà  attuato"

Secondo fonti europee, il Vertice dei ministri economici di stasera, ancora in corso, si sarebbe spaccato. Anche la Finlandia  starebbe con la Germania per il No, al pacchetto di riforme del governo Tsipras.

Convocazione del Vertice  dei capi di Stato e di Governo,  per domani 12 luglio.

 

 


Stampa Articolo Print Img




Ti potrebbe interessare:


Registrazione Tribunale di Messina Registro Stampa n.7 del 20 Maggio 2014
Direttore Responsabile Mimma Cucinotta - Condirettore Domenica Puleio - Direttore Editoriale Silvia Gambadoro


:: Uno Sguardo all' Europa

Dom 12 Luglio 2015 - 11:49





0 commento/i




Registrazione Tribunale di Messina Registro Stampa n.7 del 20 Maggio 2014
Direttore Responsabile Mimma Cucinotta - Condirettore Domenica Puleio - Direttore Editoriale Silvia Gambadoro
Sede Giornale: Messina - Roma

Homepage | Foto | Video | Redazione | Disclaimer | Contatti




© Copyright 2014-2017


Feed RSS