User Pass Password Dimenticata? | Registrati

Benvenuto!

Dopo l’Eurogruppo finito senza accordo, i creditori internazionali offrono alla Grecia una proroga di 5 mesi del programma di aiuti

Merkel e Holande invitano Tsipras ad accettare la proposta di Fmi, Bce e Ue, entro il vertice di sabato

di Mimma Cucinotta


:: Uno Sguardo all' Europa

Ven 26 Giugno 2015 - 16:02


Immagine Principale



Foto: Christine Lagarde, direttore generale del Fmi, il premier greco Alexis Tsipras

 

 

Aggiornamento del 26 giugno 2015 - Giunge dai creditori internazionali un’alettante offerta per la Grecia. Un accordo immediato e 5 mesi di estensione  del programma di aiuti fino a novembre con un esborso nei confronti di Atene di circa 16miliardi di euro. La sostanziosa proposta verrà discussa e  analizzata nell’Eurogruppo di sabato.

Con un comunicato ufficiale, i  ministri delle finanze dell’ eurozona ,  hanno invitato la Grecia "ad accettare la proposta delle istituzioni"

Anche la Merkel e il presidente francese Hollande, stanno caldeggiando il consenso del premio greco Tsipras.

 “Stiamo invitando Atene ad accettare  la generosa offerta del Fondo monetario internazionale, Banca centrale europea e Commissione UE, la riunione di domani è decisiva, Tsipras deve compiere l’ultimo passo”, così oggi Holande.

Intanto a Berlino le trattative negoziali continuano, in attesa del vertice di domani, sabato 27giugno.

 

Bruxelles, 25 giugno 2015 - Fumata nera dell’Eurogruppo notturno di giovedì,  per l’accordo tra Grecia e creditori, che nei giorni scorsi sembrava quasi arrivato al capolinea.

Ieri, constatando la diversità di intendimenti, L’Eurogruppo, per evitare la frattura, ha pensato di concedersi una pausa, ed aggiornare l’incontro a sabato.  La cancelliera tedesca Angela Merkel , spera in un’azione vincente tra le parti, prima della riapertura dei mercati di lunedì, che nonostante l’ultima frenata, manifestano ottimismo.

  Atene sta giocando una partita, “con sforzi enormi e dolorosi per arrivare ad un accordo fattibile, ora la palla è nel campo delle istituzioni" ha dichiarato Alexis Tsipras, per il rigore delle misure fiscali messe sul tavolo dell’Eurogruppo. Ma evidentemente questo non basta ancora, infatti da una analisi  piu’ attenta, che il vertice scorso, non aveva fatto per il ritardo della Grecia nel presentare la relazione, sono emersi punti di vista, tra Atene e  le istituzioni creditrici, non ancora allineati. Sono state respinti gli aumenti di tasse per le aziende e chiedono invece più interventi sulle pensioni. Idee ritenute “assurde” da Atene. Tsipras, mercoledì mattina  aveva lasciato la capitale greca alla volta di Bruxelles accusandoli di “non volere l’accordo” o essere “al servizio di interessi specifici“. Parole   -  messe sul suo account Twitter – che  significano  come lo sblocco dell’ultima tranche di aiuti da 7,2 miliardi di cui il Paese ha assoluto bisogno sia ancora  lontana . 

Il 30 giugno è dietro l’angolo, manca infatti meno di una settimana alla data spettro del rimborso di  1,6 miliardi di Atene al Fmi.

E’ stato interessante notare, ha riferito il ministro delle finanze greco, Yanis Varoufakis, facendo rilevare l’assenza di unità all’interno dell’Eurogruppo, come  i ministri delle finanze, fossero su posizioni critiche nei confronti delle proposte negoziali sia greche che  su quelle espresse dai creditori internazionali. Noi andremo comunque avanti, ha sottolineato Varoufakis, in questo percorso negoziale, fino alla fine per trovare una soluzione.

 

Sembrerebbe secondo fonti europee, che Fmi, Bce,  Commissione Ue e Atene si stiano avvicinando, sulla base dei  parametri assimilabili delle loro proposte, e come auspica la Merkel, sabato l’incontro  potrebbe  sfociare in una intesa finale.  

 Atene sta preparando dunque per l’Eurogruppo, un ulteriore piano. Si tratterebbe però di una manovra recessiva,  che come ha sempre sostenuto il premier ellenico Tsipras, potrebbe condurre  l’economia del Paese al collasso, bloccandone  la crescita. 

 

Sabato, quindi altro round, sperando sia quello conclusivo per la soluzione della crisi greca, e se Atene e creditori riusciranno a lavorare in pieno accordo, il testo che ne uscirà dall’intesa finale, andrà al Parlamento greco che dovrà votarlo  e pronunciarsi entro domenica sera.

 

Bruxelles, 20 giugno 2015 - Partita in chiusura per la questione greca. Il primo ministro Alexis Tsipras, ha esposto in conference call ad Hollande, Merkel e Juncker, alcune misure che Atene presenterà al vertice dell’Eurogruppo lunedì 21 giugno cui parteciperanno Christine Lagarde (Fmi), il presidente della Bce Mario Draghi e dell’Eurogruppo Jeroen Dijsselbloem. Il programma fiscale  riguarderà  il blocco dei prepensionamenti, un aumento della tassa di solidarietà per chi  guadagna oltre 30mila euro l’anno e per le società con utili superiori ai 500mila euro annui.

A differenza del piano di giugno Atene sarebbe ora pronta a raggiungere per il 2015 l’obiettivo di un avanzo primario dell’1% sul Pil e di centrare il target di una avanzo del 3,5% per il 2018 come chiedono i creditori. Sempre secondo indiscrezioni Atene dovrebbe raggiungere il 2% nel 2016 e il 3% nel 2017.

Domani il vertice europeo non si accontenterà più di impegni, l’incontro richiederà l’ufficialità di un accordo siglato da Atene e i creditori internazionali.

L’intesa mira a sbloccare l’ultima tranche di aiuti di salvataggio da 7,2 miliardi, per far uscire da una drammatica  situazione di liquidità la Grecia, che negli ultimi giorni ha provocato una consistente fuga di capitali , per più di 4miliardi di euro,  creando nuovo panico nei mercati, già in fibrillazione per il debito di fine giugno, che Atene  dovrà rimborsare al Fondo monetario internazionale (Fmi), relativo alla rata del 5 giugno non corrisposta in quella data, a cui si aggiungono i 2,2 miliardi occorrenti per il pagamento delle pensioni e stipendi di giugno ai dipendenti pubblici.

 

Uno scenario finanziario dunque molto difficile, che fino ad ora il governo greco era riuscito a tamponare, ma che adesso è divenuto insostenibile per la flessione del gettito fiscale, per cui il taglio a stipendi e pensioni sembrerebbe quasi certo.

 

Lunedì l’Eurogruppo tornerà a riunirsi anticipando l’ora prevista delle 15, alle 12. L’eurosummit dei capi di governo, si riunirà intorno alle  19,  per valutare la situazione in caso di mancato accordo con la Grecia, che potrebbe avviarsi verso il default e l’uscita dalla moneta unica o verso nuovi scenari,come annunciato dal premier Tsipras a margine dell’Eurogruppo di giovedì scorso.

 

 


Stampa Articolo Print Img




Ti potrebbe interessare:


Registrazione Tribunale di Messina Registro Stampa n.7 del 20 Maggio 2014
Direttore Responsabile Mimma Cucinotta - Condirettore Domenica Puleio - Direttore Editoriale Silvia Gambadoro


:: Uno Sguardo all' Europa

Ven 26 Giugno 2015 - 16:02





0 commento/i




Registrazione Tribunale di Messina Registro Stampa n.7 del 20 Maggio 2014
Direttore Responsabile Mimma Cucinotta - Condirettore Domenica Puleio - Direttore Editoriale Silvia Gambadoro
Sede Giornale: Messina - Roma

Homepage | Foto | Video | Redazione | Disclaimer | Contatti




© Copyright 2014-2017


Feed RSS