User Pass Password Dimenticata? | Registrati

Benvenuto!

SALUTE E AGROALIMENTARE – IL CONVEGNO ORGANIZZATO A ROMA DALL’ARMA DEI CARABINIERI

di Sara Piccolella


:: Sociale

Mer 15 Gennaio 2020 - 18:54


Immagine Principale



Le contaminazioni chimiche e i rischi per la salute,  le contraffazioni e le frodi alimentari sempre più complesse e    sofisticate, che partono da paesi extraeuropei e  valicano i confini dell’Italia, la lotta all’inquinamento, al caporalato e alle mafie. Sono questi i temi trattati nell’ambito del primo convegno  sulla salute e agroalimentare  promosso dal Comando Unità Mobili e Specializzate Carabinieri “Palidoro” e dal Comando Unità Forestali, Ambientali e Agroalimentari   che   si è svolto si il 13 e il 14 gennaio presso il Comando Unità Mobili e Specializzate “Palidoro”, a Roma.

Hanno partecipato all’evento  autorità civili e militari,  il Ministro del Lavoro e delle Politiche Sociali, Nunzia Catalfo, e il  Ministro della Salute, Roberto Speranza,  oltre a numerosi  e qualificati  esperti  delle organizzazioni europee ed internazionali ( FAO, ILA, EFSA, EUROPOL e OLAF) che già operano con le istituzioni italiane nazionali e internazionali  .

“Non deve sorprendere che l’Arma dei Carabinieri si interessi di questi aspetti, la sicurezza alimentare e la salute, che sono una parte non indifferente della sicurezza complessiva delle comunità "– ha detto il Comandante Generale dei Carabinieri, Giovanni Nistri, aprendo il convegno .  “L’Arma è legata a questi settori da una continuità storica . I reparti come il Nucleo Anti Sofisticazione, il Comando Carabinieri Tutela Agroalimentare e il Nucleo Operativo Ecologico, sono fiore all’occhiello dell’Arma dei Carabinieri.”  Il Generale Nistri, inoltre, durante il suo intervento, ha ricordato che "nel 1962  furono istituiti i primi sei Nuclei Antisofisticazione dei carabinieri con lo specifico compito, non solo di agire nella sicurezza della salute ma di interessarsi anche delle adulterazioni alimentari. “Da allora i Nas sono cresciuti e nel 2019 i risultati sono di oltre 4 mila violazioni penali accertate, di oltre 18 mila infrazioni amministrative e di beni adulterati sequestrati per oltre 150 milioni di euro . Anche il Comando per la tutela agroalimentare è stato costituito nel 1982″,  ha proseguito il Comandante Generale, “piccolo come consistenza organica ma importante nell’ attività che svolge, ha denunciato 300 persone, individuato 500 violazioni amministrative e ha fatto sequestri per 1,5 mln di euro. E infine  nel 1986 sono stati fondati i carabinieri del Noe con il compito di investigare nel settore dell’inquinamento“.

Il convegno è stato organizzato in 4 diversi panel che hanno trattato di  contaminazioni chimiche in agricoltura, di  contraffazione dei prodotti agroalimentari e di tutela del made in Italy, delle condizioni del lavoro in agricoltura.  La tutela della salute e della sicurezza non puo’ prescindere dalla lotta alle mafie: “Il contrasto alle mafie costituisce l’obiettivo primario per salvare l’economia ” ha detto il procuratore Nazionale AntimafiaFederico Cafiero de Raho .Quello che ancora oggi non si riesce a capire e quello che anche la politica non ha ancora colto pienamente, perché’ non ne parla come meriterebbe, è che le mafie costituiscono la zavorra della nostra economia. Sono le mafie a bloccare la nostra economia“. “Si tratta – ha concluso De Raho – di una speculazione enorme che ricade su acquirente e mercato.  

Un altro aspetto importante  affrontato nel convegno  è la tutela dei lavoratori e la lotta al caporalato : “solo negli anni le attività di contrasto con il caporalato sono oltre il  200 % rispetto agli anni precedenti” ha affermato il Generale c.a. Claudio Vincelli, Comandante divisione Unità Specializzate.

Il convegno si è concluso con una tavola rotonda  di  riflessione sul comparto agroalimentare,  al quale hanno partecipato  tutte le principali associazioni di categoria del settore e dei consumatori:   “La prima grande verità è che la merce che troviamo sugli scaffali dei supermercati è sana -ha sottolineato il presidente della Confederazione Italiana Agricoltori   Secondo  Scanavino– proprio per effetto dei controlli e delle normative italiane, che sono tra le più attente e stringenti, e anche grazie al lavoro meticoloso di tutte le forze dell’ordine”.  Tuttavia  “i  controlli e l’attività svolta non sono sufficienti:  “vanno accompagnati dalla revisione delle leggi sui reati alimentari con la proposta a costo zero elaborata da Giancarlo Caselli   nell’ambito dell’Osservatorio Agromafie per introdurre nuovi sistemi di indagine e un aggiornamento delle norme penali adeguate a combattere le frodi agroalimentari “, ha dichiarato  Ettore Prandini , presidente di Coldiretti. Un impegno che”,  aggiunge, “deve riguardare anche l’estero  dove è necessario che l’Italia e l’Europa tutelino dall’italian sounding l’identità dei prodotti alimentari riconosciuti dall’Unione Europea anche nei trattati di libero scambio”.

 

Nelle foto:  Gen. C.A: Giovanni Nistri,  Comandante Generale dell’Arma dei Carabinieri

il Ministro del Lavoro e delle Politiche sociali  Nunzia Catalfo

il Ministro della Salute Roberto Speranza

Federico Cafiero De Raho, Procuratore Nazionale Antimafia

il Generale C.A.. Claudio Vincelli, Comandante Divisione Unità Specializzate.

I prodotti  italiani  più  contraffatti.


Stampa Articolo Print Img




Ti potrebbe interessare:


Registrazione Tribunale di Messina Registro Stampa n.7 del 20 Maggio 2014
Direttore Responsabile Mimma Cucinotta - Condirettore Domenica Puleio - Direttore Editoriale Silvia Gambadoro


:: Sociale

Mer 15 Gennaio 2020 - 18:54





0 commento/i




..

Registrazione Tribunale di Messina Registro Stampa n.7 del 20 Maggio 2014
Direttore Responsabile: Mimma Cucinotta
Condirettori: Domenica Puleio - Silvia Gambadoro
Vice Direttore: Roberto Sciarrone (Roma)
Direttore Editoriale: Silvia Gambadoro (Roma)
Sede Giornale: Messina - Roma



Homepage | Foto | Video | Redazione | Disclaimer | Contatti





© Copyright 2014/2020

Feed RSS