User Pass Password Dimenticata? | Registrati

Benvenuto!

L'uscita della Gran Bretagna potrebbe ringiovanire l'Unione europea

Analisi e riflessioni emerse a Parigi al congresso annuale dell'Associazione dei giornalisti europei (AEJ)

by Llewellyn King


:: Uno Sguardo all' Europa

Lun 16 Dicembre 2019 - 09:04


Immagine Principale




PARIGI - C'è chi crede che quando la Gran Bretagna finalmente si libererà dalla sua schiavitù europea, prospererà come mai prima d'ora. Questa prosperità sarà così avvincente che i restanti 27 paesi che compongono l'Unione europea seguiranno l'esempio alla ricerca della ricchezza. La fine dell'integrazione europea.

 

Questa è una visione più facile da trovare a Washington che a Parigi o a Londra. C'è un senso qui dell'Europa che non si sta disintegrando. La Gran Bretagna continuerà, nonostante il caso inventato contro l'appartenenza, a cercare di vendere e acquistare dall'Europa. Dopotutto, l'UE sarà ancora lì: un enorme mercato a poco più di 20 miglia attraverso la Manica.

L'Europa è assediata da una crescita lenta. L'euro - la valuta utilizzata da 19 nazioni europee - è stata una benedizione mista, incapace di servire gli stati feriti svalutando per aumentare le esportazioni. Eppure è il simbolo dell'Europa, in particolare per una nuova generazione che non ha conosciuto nient'altro e guarda più a un'Europa unita che, forse, ai loro genitori.

 

Questi sono problemi ma non insuperabili. Da quello che ho sentito qui al congresso annuale dell'Associazione dei giornalisti europei (AEJ), gli europei sentono di aver davvero bisogno l'uno dell'altro, anche perché sono costantemente sotto un attacco sofisticato e implacabile di notizie false e disinformazione dalla Russia. La Russia è un grosso problema in Europa con informazioni false e persino eventi falsi, come la fondazione di disgregatori che fingono di essere giornalisti o eventi organizzati che suggeriscono una penetrazione fascista che non esiste. Ogni giorno, la Russia mette in pericolo la verità in Europa.

 

L'AEJ è, a mio avviso, un posto buono come qualsiasi altro per avere il polso della situazione in Europa. È composto da giornalisti che lavorano, non da star o polemicisti, ma da giornalisti di ogni parte d'Europa, dalla Bulgaria alla Spagna e dalla Finlandia all'Irlanda. Collettivamente, forniscono una visione unica sull'umore dell'Europa. Invece della partenza della Gran Bretagna (che nessuno vuole in Europa), qui al congresso dell'AEJ la Brexit è considerata il tipo di sventura che unisce le persone e porta al trionfo. Piuttosto che la tragedia dell'Europa, qui è vista come la tragedia della Gran Bretagna. E piuttosto che la Brexit è un precursore della rottura dell'UE, qui è visto come un precursore della rottura del Regno Unito.

 

Otmar Lahodynsky, presidente dell'AEJ, afferma che l'Inghilterra ha scoperto il nazionalismo, così come la Scozia e il Galles, il che suggerisce l'inevitabile rottura del Regno Unito in quanto è stata costituita dall'atto dell'Unione nel 1707. Per l'Europa, il problema continuo è l'immigrazione.

Mentre ci sono nazioni ricche e povere, le persone in povertà cercheranno di vivere in quelle con prosperità e migreranno illegalmente. Non solo questo è stato uno dei fattori trainanti della Brexit, ma è anche un grosso problema per l'Europa, sia il movimento interno di persone da paesi come la Polonia verso la Francia, l'Olanda e la Germania, sia da paesi al di fuori, in particolare l'Africa, dove le persone si imbarcano in modo indegno. Navi e rischio di annegamento nel tentativo di raggiungere l'Europa.

Aggiungi i cambiamenti climatici alle preoccupazioni per la Russia e l'immigrazione.

Gli europei, molto più degli americani, sono palesemente colpiti dai cambiamenti climatici e dal concomitante aumento del livello del mare. Ciò si aggiunge alla pressione dell'immigrazione e all'ansia fluttuante per il futuro, un'ansia che sta unificando, in particolare per i giovani.

 

A Londra, una volta casa mia e ora un luogo amaramente diviso, c'è intesa  fatto che i nuovi accordi commerciali non verranno scritti alla velocità di un treno francese. Le persone sottolineano mestamente che ci sono voluti sette anni in Gran Bretagna per concludere un accordo commerciale con il Canada - e la Gran Bretagna e il Canada si scambiano l'un l'altro come madre e figlia. Chi vuole un accordo, diciamo, con la Repubblica Ceca, con tanta passione? Non un futuro allettante.

 

On Twitter: @llewellynking2
Llewellyn King is executive producer and host of "White House Chronicle" on PBS.

Read this column on:
InsideSources
White House Chronicle

 
Watch the latest White House Chronicle:
Is technology a greater driver of society than politics?

 

PARIS — There are those who believe when Britain finally shakes off its European bondage it will prosper as never before. This prosperity will be so compelling that the remaining 27 countries that comprise the European Union will follow suit in pursuit of riches. The end of European integration.

This is a view easier to find in Washington than it is in Paris or in London. There is a sense here of Europe Rising not Europe Disintegrating. Britain will still, despite the contrived case against membership, look to selling to and buying from Europe. After all, the EU will still be there: a huge market just a little over 20 miles across the English Channel.

Europe is beset with sluggish growth. The euro — the currency used by 19 of Europe’s nations — has been a mixed blessing, unable to serve hurting states by devaluing to increase exports. Yet it is the symbol of Europe, particularly to a new generation that has known nothing else and looks more to a united Europe than, perhaps, their parents.

These are problems but not insuperable. From what I heard here at the annual congress of the Association of European Journalists (AEJ), Europeans feel that they really need each other, not least because they are constantly under a sophisticated and relentless attack of fake news and disinformation from Russia. Russia is a huge problem in Europe with fake information and even fake events, like the planting of disrupters pretending to be reporters or staged events suggesting a fascist penetration that does not exist. Daily, Russia endangers the truth in Europe.

The AEJ is, to my mind, as good a place as any to take the temperature of Europe. It is made up of working journalists, not stars or polemicists, but day-to-day reporters from across Europe, from Bulgaria to Spain and from Finland to Ireland. Collectively, they provide unique insight on the mood of Europe.

Rather than Britain’s departure (which nobody in Europe wants), here at the AEJ congress Brexit is regarded as the kind of misfortune that brings people together and leads on to triumph. Rather than Europe’s tragedy, here it is seen as Britain’s tragedy. And rather than Brexit being a precursor to the breakup of the EU, here it is seen as a precursor to the breakup of the United Kingdom.

Otmar Lahodynsky, president of the AEJ, says that England has discovered nationalism, as have Scotland and Wales — suggesting the inevitable breakup of the United Kingdom as it has been constituted since the Act of Union in 1707.

For Europe, the continuing problem is immigration.

While there are rich and poor nations, those in poverty will try to live in those with prosperity and migrate illegally. Not only has this been one of the drivers of Brexit, but it is also a massive problem for Europe, both the internal movement of people from countries like Poland to France, Holland and Germany, and from countries outside, especially Africa where people board unseaworthy vessels and risk drowning trying to reach Europe.

Add climate change to worries about Russia and immigration.

Europeans, much more than Americans, are palpably stricken about climate change and concomitant sea level rise. This adds to immigration pressure and free-floating anxiety about the future — an anxiety that is unifying, particularly for the young.

In London, once my home and now a bitterly divided place, there is agreement that new trade deals will not be written at the speed of a French train. People point out ruefully that it took Britain seven years to conclude a trade deal with Canada — and Britain and Canada l-o-v-e each other as mother and daughter. Who wants a deal with, say, the Czech Republic, with such passion? Not a tempting future.

 
 

Stampa Articolo Print Img




Ti potrebbe interessare:


Registrazione Tribunale di Messina Registro Stampa n.7 del 20 Maggio 2014
Direttore Responsabile Mimma Cucinotta - Condirettore Domenica Puleio - Direttore Editoriale Silvia Gambadoro


:: Uno Sguardo all' Europa

Lun 16 Dicembre 2019 - 09:04





0 commento/i




..

Registrazione Tribunale di Messina Registro Stampa n.7 del 20 Maggio 2014
Direttore Responsabile: Mimma Cucinotta
Condirettori: Domenica Puleio - Silvia Gambadoro
Vice Direttore: Roberto Sciarrone (Roma)
Direttore Editoriale: Silvia Gambadoro (Roma)
Sede Giornale: Messina - Roma



Homepage | Foto | Video | Redazione | Disclaimer | Contatti





© Copyright 2014/2020

Feed RSS