User Pass Password Dimenticata? | Registrati

Benvenuto!

DIZIONARIO DEI SOGNI NEL MEDIOEVO.IL SOMNIALE DANIELIS IN MANOSCRITTI LETTERARI

3200 anni di simboli onirici giunti fino ai nostri giorni nel sorprendente Dizionario di Valerio Cappozzo

di Silvia Gambadoro


:: Cultura Arte Spettacolo

Dom 15 Dicembre 2019 - 18:26


Immagine Principale



“Non badare ai sogni: ciò che la mente umana desidera, quando è sveglia lo spera, nel sogno lo vede realizzato.” (Dionisio Catone  Codice Riccardiano 859)

Il sogno fin dalla notte dei tempi ha generato curiosità e turbamento, per quel suo misterioso occorrere quando la coscienza si spegne cedendo al sonno, e la mente lascia filtrare sequenze di immagini scaturite dalla memoria che danno spazio a tante possibili interpretazioni. Fin dall’antichità l’uomo si è interrogato sul senso di queste visioni,  cercando di decifrarne e interpretarne i simboli, per scoprirne la verità. Dal Medioevo fino al  Rinascimento, i sogni  assumono  un valore rilevante per comprendere  appieno  la realtà.  “Vede più certa la cosa l’occhio ne’ sogni che colla immaginazione stando desto” scriveva Leonardo (codice Arundel). I sogni sono anche il modo in cui il divino si manifesta all’uomo attraverso dei messaggi simbolici che devono essere interpretati . Secondo Papa Gregorio I “Il Sogno per essere vero deve sollevare il velo che lo separa dal ragionamento affinchè abbia luogo la rivelazione”.  E’ quanto si scopre nel  "Dizionario dei Sogni nel Medioevo” di Valerio Cappozzo, edito da   Leo Olschki (35 €),  opera enciclopedica nata durante i corsi di Filologia e critica dantesca a “la Sapienza di Roma” e proseguita nelle aule di Filologia materiale dell’Indiana University attraverso un'imponente attività di ricerca in  biblioteche nazionali e internazionali.   Punto di partenza è Il  “Somniale Danielis”. Attribuito al profeta Daniele  "Il Somniale" rappresenta il prontuario dei sogni più utilizzato nel Medioevo e poi nel Rinascimento, quando i sogni e i  simboli onirici venivano interpretati secondo le posizioni della luna, con il contributo delle dottrine arabo-islamiche, per comprenderne appieno  la rivelazione.

Giudicato dagli studiosi come un testo primitivo e rozzo, il “Somniale” al contrario ha permesso una tradizione capillare, trasversale a ogni classe sociale e ogni tempo.  Un manuale utilizzato da Dante, Cecco D’Ascoli, Petrarca e Boccaccio, presente anche nella biblioteca di Leonardo Da Vinci,  che ne possedeva tre edizioni in volgare italiano. Il genio del Rinascimento si serviva del prontuario dei sogni per scrivere le sue numerose profezie e per interpretare un sogno avuto da bambino. Nella visione di Leonardo un nibbio vola nella sua culla e con la coda gli apre la bocca per battergliela dall’interno. Una  premonizione del futuro, dove il “Nebio vedere significa morte de’ toi parenti”. Un’immagine profetica, in cui Leonardo aveva creduto e che aveva annotato intorno al 1504, che coincide con la morte del padre avvenuta il 9 luglio dello stesso anno. Il sogno di Leonardo verrà ripreso anche dal padre della Psicanalisi,  Sigmund Freud che,  nel suo “Un ricordo d’Infanzia di Leonardo da Vinci” analizza le azioni del nibbio, interpretando lo sbattere della coda come l’allattamento materno  mentre l’atto di  infilarla nella bocca indicherebbe la sua omosessualità passiva. Freud  dunque, pur  apprezzando l'oniromanzia dei manuali,  ribalta il punto di vista,  utilizzando i simboli onirici  non per scoprire l’essenza di una realtà esterna all’uomo, ma per svelare  i meccanismi dell’inconscio scaturiti dalla storia personale del soggetto.   Composto in greco intorno al IV secolo e tradotto in latino nel IX secolo, sorprende come   il “Somniale Danielis”  raccolga  i simboli onirici nell’arco di 3200 anni,  così come si sono tramandati dall’Antico Egitto ai giorni nostri, nell’era digitale. Unica variante è stata l’aggiunta nel tardo Rinascimento  di un numero cabalistico che ha   permesso di tradurre i simboli onirici in numeri e poterli giocare sulle Ruote del Lotto. Alcuni  esempi ? Vedersi arare significa fatica, nuotare avversità. Oppure sognare la caduta di uno o più denti  corrisponde alla perdita di un parente o di una persona vicina.  Interpretazioni  che si ripetono  coerentemente,  dal  1220 AC ai libri della Smorfia , fino a riempirne oggi pagine e pagine del web.  Se per spiegare la realtà nel Medioevo si ricorreva al Meraviglioso e all’Immaginario, per interpretare i simboli onirici bisogna riferirsi al piano della realtà e del quotidiano: nell’elenco del Dizionario troviamo case, villaggi, boschi, uomini e donne, animali, formaggio, ceci, fave, sedie, aste, chiavi piazze, strade… Un mondo che travalica i confini  temporali e  geografici, che diventa applicabile in ogni momento e  in ogni luogo, assumendo quindi un valore universale.

Il   volume di Valerio Cappozzo per la prima volta ha riunito in un unico repertorio alfabetico  alcune versioni latine e volgarizzazioni  italiane del  Somniale  ed è  una lettura di grande fascino, oltre a costituire uno strumento utile per la comprensione dell’immaginario onirico medievale e del simbolismo letterario e storico artistico.


Stampa Articolo Print Img



Registrazione Tribunale di Messina Registro Stampa n.7 del 20 Maggio 2014
Direttore Responsabile Mimma Cucinotta - Condirettore Domenica Puleio - Direttore Editoriale Silvia Gambadoro


:: Cultura Arte Spettacolo

Dom 15 Dicembre 2019 - 18:26





0 commento/i




..

Registrazione Tribunale di Messina Registro Stampa n.7 del 20 Maggio 2014
Direttore Responsabile: Mimma Cucinotta
Condirettori: Domenica Puleio - Silvia Gambadoro
Vice Direttore: Roberto Sciarrone (Roma)
Direttore Editoriale: Silvia Gambadoro (Roma)
Sede Giornale: Messina - Roma



Homepage | Foto | Video | Redazione | Disclaimer | Contatti





© Copyright 2014/2020

Feed RSS