User Pass Password Dimenticata? | Registrati

Benvenuto!

:: Magazine

MARINA MILITARE: LA FREGATA MARCEGLIA CONCLUDE LA PARTECIPAZIONE ALL’OPERAZIONE ATALANTA

La nave lascia l’operazione antipirateria europea dopo quasi cinque mesi d’attività


:: Rubrica

Sab 14 Dicembre 2019 - 23:45


Immagine Principale



Lunedì prossimo, 16 dicembre 2019, nella base navale di Taranto la Fregata Antonio Marceglia della Marina Militare farà il suo rientro in Italia. La nave ha recentemente concluso la sua partecipazione, come flagship, all’operazione antipirateria europea EUNAVFOR - Atalanta, assicurando i compiti di presenza e sorveglianza lungo le linee di traffico marittimo finalizzate al contrasto del fenomeno della pirateria nella zona compresa tra il Mar Rosso, il Golfo di Aden e parte dell’Oceano Indiano. A Taranto, dove effettuerà una sosta logistica, l’equipaggio di nave Marceglia sarà accolto dal Capo di Stato Maggiore della Marina Militare, ammiraglio di squadra Giuseppe Cavo Dragone.

Da bordo della fregata italiana il capitano di vascello Armando Simi ha esercitato il comando tattico dell’operazione, nel ruolo di Force Commander della forza navale. Sotto il suo comando le unità navali assegnate hanno pattugliato le aree di interesse e i corridoi di transito delle unità mercantili contribuendo a scoraggiare gli atti di pirateria, in collaborazione con le altre forze navali presenti in area. 

Dal 20 luglio nave Marceglia ha partecipato all’operazione Atalanta, nel dispositivo EU NAVFOR Somalia, con un contributo finale di 20392 miglia percorse, 2329 ore di moto, 141 ore di volo dei due elicotteri imbarcati, 8 visite consensuali a imbarcazioni in acque somale, 16 missioni di Intelligence, Surveillance and Reconnaissance di raccolta dati, 43 missioni di pattugliamento Surface Surveillance Control e 4 attività di Local Leader Engagement, 3 scorte ai mercantili del WFP da Aden a Gibuti nel corso del quale è stato trasferito personale UN e ONG durante l’aggravarsi della crisi in Yemen.

Nei quasi cinque mesi di partecipazione all’Operazione Atalanta, l’equipaggio di nave Marceglia ha condotto attività a carattere addestrativo nei confronti delle comunità locali; gli uomini e le donne imbarcati sulla Fregata hanno trasmesso le proprie conoscenze in tema di maritime security, nell’ambito del Local Maritime Capacity Building (LMCB), alla Marina e alla Guardia Costiera di Gibuti, delle Seychelles, Kenya e Oman con lo scopo di far sviluppare capacità autonome nel contrasto alle attività illecite tra le quali la pirateria.

Presso Gibuti e Mombasa, l’equipaggio italiano ha condotto attività CiMiC (Civilian and Military Cooperation) per fornire supporto nel soddisfare le esigenze primarie della popolazione civile meno agiata del Paese e consolidare il rapporto di fiducia tra le navi italiane e la popolazione locale. Nell’ambito dell’attività CiMiC sono stati sviluppati tre progetti (istruzione, salute e food) condotti sia in porto che in mare; in particolare durante le attività di controllo delle imbarcazioni in acque territoriali somale, l’Unità ha distribuito i c.d. food kit per i pescatori locali, quale gesto di vicinanza e supporto della comunità locale per promuovere la presenza delle unità di EU NAVFOR.

Inoltre nave Marceglia ha svolto attività di addestramento e cooperazione con le marine rivierasche durante le soste a Gibuti, Salalah (Oman), Mombasa (Kenya) e Port Victoria (Seychelles); in quest’ultimo sorgitore Nave Marceglia ha partecipato all’esercitazione Cutlass Express 19 a guida statunitense. In mare, la fregata Marceglia si è addestrata con le unità del dispositivo europeo e quelle di altre marine operanti nello stesso scenario operativo, come il cacciatorpediniere Kang Gam Chan della marina sud coreana.

Per nave Marceglia, più giovane della Squadra Navale, l’Operazione Atalanta è stata il primo impiego operativo.

 

Operazione Atalanta

Decisa dal consiglio europeo nel novembre del 2008, è di fatto la prima operazione militare a carattere marittimo a guida europea. L’operazione nasce per contrastare la pirateria nell’area del Corno d’Africa (Golfo di Aden e bacino Somalo), dove continua a rappresentare una minaccia per la libertà di navigazione del traffico mercantile e in particolare, per il trasporto degli aiuti umanitari del World Food Programme. All’operazione partecipano unità navali e velivoli dislocati in area per la sorveglianza ed il riconoscimento di attività sospette riconducibili al fenomeno della pirateria.

 

Fregata Antonio Marceglia

Varata il 3 febbraio 2018 presso i cantieri navali Fincantieri di Riva Trigoso (GE), è la quarta FREMM in configurazione General Purpose (GP). L'unità è intitolata al Tenente Colonnello del genio navale Antonio Marceglia, decorato in vita con la Medaglia d’Oro al Valor Militare per l’impresa di Alessandria d’Egitto, da quella d’Argento e dalla Croce di Guerra per le missioni compiute a Gibilterra. La nave, al comando del capitano di fregata Francesco Fagnani, ha un equipaggio di 168 tra uomini e donne, è lunga 144 metri di lunghezza e ha un dislocamento a pieno carico di 6.700 tonnellate. È una fregata polivalente, progettata all'insegna dell'innovazione e della flessibilità, in modo da operare attivamente nella tutela degli interessi nazionali e poter rispondere con successo agli scenari futuri.


Stampa Articolo Print Img




Ti potrebbe interessare:


Registrazione Tribunale di Messina Registro Stampa n.7 del 20 Maggio 2014
Direttore Responsabile Mimma Cucinotta - Condirettore Domenica Puleio - Direttore Editoriale Silvia Gambadoro


:: Rubrica

Sab 14 Dicembre 2019 - 23:45





0 commento/i




..

Registrazione Tribunale di Messina Registro Stampa n.7 del 20 Maggio 2014
Direttore Responsabile: Mimma Cucinotta
Condirettori: Domenica Puleio - Silvia Gambadoro
Vice Direttore: Roberto Sciarrone (Roma)
Direttore Editoriale: Silvia Gambadoro (Roma)
Sede Giornale: Messina - Roma



Homepage | Foto | Video | Redazione | Disclaimer | Contatti





© Copyright 2014/2020

Feed RSS