User Pass Password Dimenticata? | Registrati

Benvenuto!

Atene pagherà al Fmi a fine giugno la rata scaduta oggi , raggruppando il debito

Tsipras : rispedisce al mittente le proposte assurde del Brussels group e crede in un accordo molto vicino

di Mimma Cucinotta


:: Uno Sguardo all' Europa

Ven 05 Giugno 2015 - 21:55


Immagine Principale



Immagine:  Il premier  Alexis Tsipras e  il ministro dellle Finanze Yanis Varoufakis

 

 

Atene - Oggi scade la prima tranche del mese giugno che la Grecia avrebbe dovuto rimborsare al Fondo monetario internazionale. Ma già da ieri girava la voce che i 300milioni di euro non sarebbero stati pagati.

Alexis Tsipras ha rispedito al mittente le proposte, "assurde e irrealistiche ”, formulate dai creditori internazionali, al vertice di mercoledì scorso al Brussels Group, la ex Troika di Ue , Bce,e Fmi,  e rimane in attesa di un accordo equo, che permetta al governo ellenico di pagare la rata, rimandata al 30 giugno.

“ Non possiamo accogliere in nessun modo proposte assurde, quali alzare l’Iva, rinunciare alla contrattazione collettiva, toccare le pensioni e il sistema pensionistico,  ” ha sottolineato il premier, comunque convinto che la soluzione definitiva è molto vicina, “infatti la decisione di concentrare i pagamenti al Fmi alla fine del mese è segno che nessuno vuole la rottura”.

La ristrutturazione del debito è sicuramente per il premier greco la soluzione definitiva.

 

Sugli stessi toni anche il viceministro del Welfare,Dimitris Strautoulis, che “la mossa del governo è un segnale chiaro.. aspettiamo che i nostri creditori ritirino quel pacchetto irragionevole di proposte colonialiste e disumane, e se dovessero rimanere sul tavolo non si escludono elezioni anticipate..”

 

Il portavoce Ue Margaritis Schinas, ha detto che un incontro tra Tsipras e Juncker a breve termine non è previsto, ma si continua a lavorare, giorno e notte, per trovare la migliore soluzione .

 

Il rinvio del pagamento a fine mese del debito di Atene al Fondo monetario internazionale, non era mai accaduto, è la prima volta che la Grecia in cinque anni salti una rata, soprattutto dopo le rassicurazioni di Tsipras e del suo ministro delle Finanze Varoufakis, della settimana scorsa sulla puntualità dei rimborsi .

Bruxelles ha minimizzato la vicenda sostenendo che “il raggruppamento dei  pagamenti a fine mese  di 1,6 miliardi, non mette in dubbio la capacità della Grecia di onorare il debito” e che questa misura  è già stata usata altre volte, ed è in linea con le regole del Fmi..”

 

“Servono calma e determinazione”,   ha sottolineato in una intervista Alexis Tsipras , “non siamo soli in questo momento, trattiamo con tre diverse istituzioni che spesso hanno posizioni contrastanti tra loro  e in primo luogo con partner di diversi paesi, che hanno approcci diversi.

Sono ottimista sul fatto che avremo presto risultati positivi tutti abbiamo bisogno di non ascoltare cassandre e  allarmisti .. continua il premier..

Non c’è assolutamente pericolo per gli stipendi e le pensioni nè per le banche e i depositi. Credo che  presto saremo in grado di guardare al futuro  con maggiore ottimismo ma con calma e determinazione, in questo passaggio finale” 


Stampa Articolo Print Img




Ti potrebbe interessare:


Registrazione Tribunale di Messina Registro Stampa n.7 del 20 Maggio 2014
Direttore Responsabile Mimma Cucinotta - Condirettore Domenica Puleio - Direttore Editoriale Silvia Gambadoro


:: Uno Sguardo all' Europa

Ven 05 Giugno 2015 - 21:55





0 commento/i




Registrazione Tribunale di Messina Registro Stampa n.7 del 20 Maggio 2014
Direttore Responsabile Mimma Cucinotta - Condirettore Domenica Puleio - Direttore Editoriale Silvia Gambadoro
Sede Giornale: Messina - Roma

Homepage | Foto | Video | Redazione | Disclaimer | Contatti




© Copyright 2014-2017


Feed RSS