User Pass Password Dimenticata? | Registrati

Benvenuto!

Mattarella all’Expo: “La crescita deve portare nuova occupazione”

Il contrasto all’illegalità e alla corruzione deve essere severo - Necessario far prevalere “sentimenti di coesione” - Il presidente firma la Carta di Milano “lascito per i prossimi impegni mondiali


:: Economia

Ven 05 Giugno 2015 - 18:56


Immagine Principale



Immagine: L’intervento di Sergio Mattarella a Expo Milano

 

 

"Dobbiamo recuperare, pur nel confronto a volte acceso, il senso del bene comune. E dobbiamo sapere che si fonda sulla legalità e sulla trasparenza. Il contrasto alla corruzione deve essere severo, nel nome del diritto e della libertà che la corruzione sottrae a ciascuno di noi". È uno dei passaggi dell'intervento del presidente della Repubblica Sergio Mattarella ad Expo Milano, il 5 giugno, in occasione della Giornata mondiale dell'Ambiente.

 

È la prima volta di Mattarella all'Esposizione universale dove ha anche firmato la "Carta di Milano" che "vuole essere lascito per i prossimi importanti impegni mondiali". Accompagnato dalla figlia Laura, il presidente è stato accolto all'ingresso del padiglione Italia dal commissario unico di governo per Expo, Giuseppe Sala, e dal sindaco di Milano, Giuliano Pisapia.

 

Nel suo intervento istituzionale Mattarella ha ribadito che "l'obiettivo di cancellare definitivamente la fame nel mondo ci impone un salto. La nostra ambizione è che Expo aiuti la rincorsa per questo salto". Ha poi proseguito: "All'Expo di Milano si sta scrivendo veramente una pagina di storia per l'umanità. Abbiamo molto da fare insieme. La Carta di Milano dichiara in modo solenne il diritto al cibo e all'acqua, come diritti fondamentali, rivelatori di un più generale diritto alla vita. Dobbiamo essere orgogliosi della nostra Expo, vogliamo che produca frutti importanti a

beneficio di tutti".

immagine descritta in didascalia

L’Esposizione, ha aggiunto, è "opportunità e sfida per tutti, per l’Italia anzitutto che ha messo la sua capacità organizzativa al servizio di un grande progetto". Poi ha citato l’impegno messo in campo dall’allora premier Prodi e dall’ex sindaco di Milano Letizia Moratti: "Expo è il frutto di un lavoro bipartisan, risultato del lavoro di tutti e ora vetrina per l’Italia". Tra le nuove sfide del nostro Paese, secondo Mattarella, una fra le più importanti è quella della "green economy, ed Expo sta dimostrando che l’Italia vuole dare il meglio anche in questo campo". E a proposito di questo settore, il presidente ha anche ricordato come l’agricoltura, "per anni considerata un ambito 'vecchio', contribuisca ora alla ripresa e al lavoro dei giovani".

Nel suo discorso il Capo dello Stato ha parlato dell'importanza dei temi trattati dall'Expo e dell'impegno che tutti devono avere per evitare lo sfruttamento delle risorse naturali e le disuguaglianze tra i popoli: "La sostenibilità - ha aggiunto - è la condizione stessa della pace, non meno di quanto lo sia la giustizia, la cooperazione tra i popoli e il rispetto di diritti fondamentali della persona". Mattarella ha anche richiamato il tema immigrazione: un fenomeno, ha detto, che deve essere affrontato "con saggezza e umanità", accogliendo chi fugge e stroncando "traffici indegni": ma soprattutto "puntando sulla cooperazione, la riduzione delle disuguaglianze".

 


Stampa Articolo Print Img




Ti potrebbe interessare:


Registrazione Tribunale di Messina Registro Stampa n.7 del 20 Maggio 2014
Direttore Responsabile Mimma Cucinotta - Condirettore Domenica Puleio - Direttore Editoriale Silvia Gambadoro


:: Economia

Ven 05 Giugno 2015 - 18:56





0 commento/i




Registrazione Tribunale di Messina Registro Stampa n.7 del 20 Maggio 2014
Direttore Responsabile Mimma Cucinotta - Condirettore Domenica Puleio - Direttore Editoriale Silvia Gambadoro
Sede Giornale: Messina - Roma

Homepage | Foto | Video | Redazione | Disclaimer | Contatti




© Copyright 2014-2017


Feed RSS