User Pass Password Dimenticata? | Registrati

Benvenuto!

Stati Uniti. Il caso aziendale per l'assicurazione nazionale

Gli Stati Uniti spendono circa il doppio di quanto spendono gli altri paesi, ma la copertura è irregolare e ha conseguenze non mediche gravi. Uno di questi è l'effetto sulla mobilità del lavoro. I lavoratori rimangono in un vicolo cieco perché temono la perdita della loro assicurazione sanitaria

By Llewellyn King - editorialista, internazionalista - column on White House Chronicle PBS (Stati Uniti)


:: Esteri

Sab 19 Ottobre 2019 - 18:28


Immagine Principale



I principali candidati democratici alla presidenza vogliono gradi diversi di importanti interventi chirurgici sull'assicurazione sanitaria.

Durante il dibattito di martedì, sono riusciti solo a tagliarsi. L'odore di sangue di Bernie Sanders, Elizabeth Warren e Joe Biden deve essere stato un profumo quasi divino per gli agenti repubblicani che ultimamente non si sono divertiti molto. Sanders e Warren hanno aderito a un'idea favorita da molti a sinistra: Medicare-for-all. Joe Biden, cercando di ritagliarsi una posizione come centrist esperto, non favorisce la chirurgia ma i cerotti su tutto il paziente. Il problema con Medicare-for-all è il denaro. Oppure è pubblicizzato come denaro?

Tuttavia, il motivo del pagamento unico - un sistema di assicurazione sanitaria nazionale - non è quello di spendere più soldi ma di meno. Molto meno.

 

Gli Stati Uniti spendono circa il doppio di quanto spendono gli altri paesi, ma la copertura è irregolare e ha conseguenze non mediche gravi. Uno di questi è l'effetto sulla mobilità del lavoro. I lavoratori rimangono in un vicolo cieco perché temono la perdita della loro assicurazione sanitaria. Un effetto maggiore è l'onere per le attività di sellarlo con l'assistenza sanitaria. Il prezzo da pagare per le imprese è enorme. Il trasferimento di tali spese al governo avrebbe l'effetto di una forte riduzione delle tasse.

 

Una nuova imposta sulla sicurezza sociale progettata per compensare la perdita di sostegno alle imprese nell'assistenza sanitaria sarebbe ragionevole. Gli affari sarebbero in vantaggio e la sofferenza nazionale di pagare in più modi per l'assistenza sanitaria sarebbe finita. Semplice è più economico. Un vantaggio sarebbe il livellamento del campo di gioco per le imprese e i dipendenti. Il sistema del datore di lavoro è un onere per le imprese e un fattore di distorsione per la società.

 

Il Milliman Medical Index calcola il costo dell'assicurazione sanitaria per una famiglia di quattro persone, secondo un piano standard, a $ 28.386. Non sorprende che molti datori di lavoro stiano ora cercando di condividere i costi sanitari con i dipendenti. Nel 2019, secondo Milliman, le aziende pagano l'82% dei premi dell'assicurazione sanitaria dei dipendenti. L'attuale sistema costa a tutti, in ogni possibile modo. I medici impiegano personale il cui unico lavoro è lottare con le compagnie di assicurazione sanitaria e negli ospedali ci sono eserciti di persone che lavorano per i sinistri.

 

Un avvocato che lavora in un grande ospedale cittadino mi ha detto che ha 150 persone il cui unico lavoro è lottare con i crediti assicurativi. L'errore che stanno facendo i principali democratici, in particolare quelli di sinistra, è quello di guardare solo l'assicurazione sanitaria dal punto di vista umanitario. Sanders suona per i non assicurati e i fallimenti. I democratici sono tutti cuore e numeri non sufficienti - o coraggio per suggerire le necessarie rettifiche fiscali.

 

Quello che dovrebbero fare è esaminare il caso aziendale contro il caos prolungato che passa per l'assistenza sanitaria. Le aziende di ogni dimensione dovrebbero essere entusiaste di essere alleggerite dall'onere sanitario: un onere sostenuto solo dalle imprese statunitensi.

 

Gli americani pagano circa il doppio del Prodotto interno lordo per l'assistenza sanitaria - circa il 19% - rispetto a qualsiasi altro paese avanzato. Il problema di guida dovrebbe essere quello di ridurlo; per eliminare il grasso, per frenare il profitto, per terminare l'affitto da parte delle compagnie assicurative e per terminare lo sforzo sprecato nelle trattative su quasi ogni sinistro. I pazienti e gli affari sarebbero entrambi vincitori.

 

La cavalleria commerciale ha una forza di spedizione già sellata da un gruppo chiamato Business for Medicare for All. Il suo presidente, Richard Master, afferma: "Non è necessario essere progressisti per capire perché il single-payer è un'opzione logica per l'America. Per un numero crescente di dirigenti d'azienda, incluso me stesso, il passaggio a un sistema sanitario unico, finanziato a livello centrale, ha senso da una prospettiva puramente economica.

 

" Dall'angolo dei medici, John Perryman, un pediatra di Roscoe, con sede in Illinois, afferma che i principali democratici hanno perso. “Il sistema è caotico e fallito. Il dibattito è stato molto deludente. Biden ha dichiarato che il passaggio da un costo all'altro ammonterebbe a $ 3,6 trilioni di dollari - l'importo che ora investiamo in assistenza sanitaria ogni anno. Ma questo è in crescita del 4 percento all'anno, il che significa che tra 10 anni spenderemo $ 30 trilioni, con il 20 percento destinato alle compagnie assicurative. L'unico modo per farlo è con un sistema a pagamento unico ", afferma.

 

Perryman è membro di Physicians for A National Health Program, un gruppo di 23.000 medici con uffici a Chicago. È stata scritta una diversa prescrizione.

Su Twitter: @ llewellynking2
Llewellyn King è produttore esecutivo e conduttore di "White House Chronicle" su PBS.

Leggi questa colonna su:
White House Chronicle
InsideSources

 

On Twitter: @llewellynking2
Llewellyn King is executive producer and host of "White House Chronicle" on PBS.

Read this column on:
InsideSources
White House Chronicle

 
Watch the latest White House Chronicle:
How climate change is changing electric utilities, with Ernest Moniz, Paula Gold-Williams
 
 
 

LLEWELLYN KING

Creatore, produttore esecutivo e conduttore

Cronaca della Casa Bianca

Llewellyn King è giornalista, editorialista, internazionalista, esperto di energia, appassionato di scienza e tecnologia, docente e oratore pubblico. È un emittente britannico con sede a Rhode Island, negli Stati Uniti e un frequente collaboratore di Huffington Post. Llewellyn King è produttore esecutivo e conduttore di "White House Chronicle" su PBS.

Come appassionato campione di ME / CFS ha scritto numerosi articoli sulla malattia e fondato e co-conduttore ME / CFS Alert [1] su YouTubecon Deborah Waroff dal 2011.

Ora nel suo 17 ° anno in onda, il programma può anche essere visualizzato sul Web all'indirizzo whchronicle.com .Una versione audio di "White House Chronicle" va in onda nei fine settimana sul popolare canale di Sirius XM Satellite Radio POTUS (Politica degli Stati Uniti) 124. King è anche un commentatore regolare di POTUS

Oltre alla trasmissione, King scrive una rubrica settimanale per l'Hearst-New York Times Syndicate. La University Press of America ha pubblicato una raccolta delle sue colonne nel 2006, intitolata "Washington and The World 2001-2005." Le colonne sono apparse principalmente sui giornali di Knight-Ridder, tra cui The Miami Herald, The Sacramento Bee, The St. Paul Pioneer Press, The Kansas City Star, The Charlotte Observer e The Columbus Dispatch.

King è stato il caporedattore ed editore di The Energy Daily. La newsletter del settore energetico, creata prima che scoppiasse la crisi energetica nel 1973, era il fiore all'occhiello del suo premiato King Publishing Group, che vendette nel 2006. Gli altri titoli del gruppo includevano la Settimana della Difesa, la Settimana della Nuova Tecnologia, la Navy News & Undersea Technology e casa bianca settimanale.

Nel corso degli anni, i report approfonditi e l'analisi delle energie di King hanno portato a frequenti visite agli ospiti in programmi televisivi, tra cui "Meet the Press" della NBC e "The NewsHour with Jim Lehrer" della PBS e la CNN.

La straordinaria carriera di King nel giornalismo è iniziata nella Rhodesia del Sud, ora Zimbabwe, dove è stato assunto - a 16 anni - come corrispondente estero per la rivista Time . Ha anche riferito dall'Africa per il Daily Express di Londra e News Chronicle e United Press.

Trasferitosi a Londra nel 1959, King ha lavorato come dirigente per The Daily Mirror Group , reporter di Associated Newspapers e giornalista per BBC e ITN. Dopo essersi trasferito negli Stati Uniti negli anni '60, King ha lavorato come redattore e reporter per The New York Herald Tribune, The Baltimore News-American, The Washington Daily NewsThe Washington Post.

Un periodo alla Nucleonics Week della McGraw-Hill ha portato alla sua fondazione The Energy Daily. Ma non fu la prima pubblicazione pionieristica di King; la sua prima era Women Now , una rivista mensile rivolta a donne emergenti professioniste negli anni '60. "Non ha liberato nessuna donna, ma ha liberato tutti i miei soldi", scherza King.

Prima di creare "White House Chronicle", King e sua moglie, la giornalista Linda Gasparello, hanno co-ospitato "The Bull and The Bear", un programma giornaliero di borsa che andava in onda sulle reti televisive via cavo GoodLife e Jones a metà degli anni '90.

King ha dato più di 2000 discorsi; è un commentatore erudito sull'energia, gli affari esteri, il Congresso e la Casa Bianca, le piccole imprese, la scienza, la tecnologia e il giornalismo. Ha organizzato più di 1.000 conferenze su temi che vanno dall'energia nucleare alla rimozione delle mine, alla sicurezza sociale e alla finanza delle campagne.

Per il suo contributo di lunga data alla comprensione della scienza e della tecnologia, King ha ricevuto un dottorato onorario in ingegneria dall'Istituto Stevens di tecnologia.

Gli piacciono le cose che si muovono; aeroplani leggeri, barche e cavalli.

-----------

The Business Case for National Insurance

The leading Democratic candidates for president want differing degrees of major surgery done on health insurance. During Tuesday’s debate, they contrived only to cut themselves.

The smell of blood from Bernie Sanders, Elizabeth Warren and Joe Biden must have been a near-divine scent to Republican operatives who haven’t had an easy time of it lately.

Sanders and Warren have signed on to an idea favored by many on the left: Medicare-for-all. Joe Biden, seeking to carve out a position as the seasoned centrist, favors not surgery but Band-Aids all over the patient.

The problem with Medicare-for-all is money. Or, it is advertised as money?

Yet the reason for single payer — a national health insurance system — isn’t to spend more money but less. Much less.

The United States spends about double what other countries spend, but the coverage is patchy and has non-medical consequences that are severe. One of these is the effect on the mobility of labor. Workers stay in dead-end jobs because they fear the loss of their health insurance.

A bigger effect is the burden on business of saddling it with health care. The price tag to business is huge. Transferring that expense to the government would have the effect of a big tax cut. A new Social Security tax designed to compensate for the loss of business support in health care would be reasonable. Business would be ahead, and the national misery of paying in multiple ways for health care would be ended. Simple is cheaper.

One benefit would be the leveling of the playing field for business and employees. The employer-provides-system is a burden on business as well as a distorter of society.

The Milliman Medical Index calculates the cost of health insurance for a family of four, on a standard plan, at $28,386. Unsurprisingly, many employers are now seeking to share health-care costs with employees. In 2019, according to Milliman, companies are paying 82 percent of employees’ health insurance premiums.

The current system costs everyone in every possible way. Doctors employ staff whose only job is to wrestle with health insurance companies, and hospitals have armies of people working on claims. An attorney working for a big city hospital told me that it has 150 people whose only job is to struggle with insurance claims.

The mistake the leading Democrats are making, especially those of the left, is just looking at health insurance from the humanitarian point of view. Sanders sounds off on the uninsured and the bankruptcies. Democrats are all heart and not enough numbers — or courage to suggest necessary tax adjustments.

What they should do is look at the business case against the sustained chaos that passes for health care. Businesses of all sizes should be enthusiastic about being relieved of the health care burden: a burden carried only by U.S. businesses.

Americans pay roughly twice as much of the Gross Domestic Product for health care — about 19 percent — as does any other advanced country. The driving issue should be to reduce that; to get the fat out, to curb profiteering, to end rent-taking by insurance companies, and to end the wasted effort in negotiations on nearly every claim. Patients and business would both be winners.

The business cavalry has an expeditionary force already saddled up with a group called Business for Medicare for All. Its chairman, Richard Master, says: “You don’t need to be a progressive to see why single-payer is a logical option for America. For a growing number of business leaders, including myself, transitioning to a single-payer, centrally financed health care system makes sense from a purely economic perspective.”

From the doctors’ corner, John Perryman, a Roscoe, Ill.-based pediatrician, says the leading Democrats missed out. “The system is chaotic and failing. The debate was very disappointing. Biden said it would cost $3.6 trillion a year to switch over — the amount we now spend on health care every year. But that is growing by 4 percent a year which means in 10 years, we will be spending $30 trillion, with 20 percent going to insurance companies. The only way to get that down is with a single-payer system,” he says.

Perryman is a member of Physicians for A National Health Program, a 23,000-strong group of doctors with offices in Chicago. A different prescription is being written.

On Twitter: @llewellynking2
Llewellyn King is executive producer and host of "White House Chronicle" on PBS.

Read this column on:
InsideSources
White House Chronicle


Stampa Articolo Print Img




Ti potrebbe interessare:


Registrazione Tribunale di Messina Registro Stampa n.7 del 20 Maggio 2014
Direttore Responsabile Mimma Cucinotta - Condirettore Domenica Puleio - Direttore Editoriale Silvia Gambadoro


:: Esteri

Sab 19 Ottobre 2019 - 18:28





0 commento/i




Registrazione Tribunale di Messina Registro Stampa n.7 del 20 Maggio 2014
Direttore Responsabile Mimma Cucinotta - Condirettore Domenica Puleio - Direttore Editoriale Silvia Gambadoro
Sede Giornale: Messina - Roma

Homepage | Foto | Video | Redazione | Disclaimer | Contatti




© Copyright 2014-2017


Feed RSS