User Pass Password Dimenticata? | Registrati

Benvenuto!

Alla scoperta delle Isole Vergini Britanniche: Virgin Gorda

La “fanciulla formosa” delle British Virgin Islands (BVI) si presenta in tutto il suo splendore: spiagge incontaminate, parchi naturali e un originale progetto artistico per la sostenibilità marina


:: Uno Sguardo all' Europa

Lun 07 Ottobre 2019 - 10:47


Immagine Principale

Immagine PrincipaleImmagine Principale

 Decine di isole, infiniti “Piccoli Segreti della Natura”: queste sono le Isole Vergini Britanniche, arcipelago incastonato nel Mar dei Caraibi che custodisce straordinari tesori naturali e culturali. Tra gli oltre 60 isolotti e isole delle BVI, Virgin Gorda, la terza per dimensione, venne battezzata così per la sua forma abbondante e morbida da un famoso esploratore: Cristoforo Colombo, primo europeo (di una lunga serie) a mettere piede alle BVI. L’isola della “fanciulla formosa” è una vera e propria perla naturalistica, con le sue baie incontaminate, lussureggianti parchi naturali e straordinarie viste panoramiche sull’arcipelago; ma per scoprirla al meglio, imperdibili sono anche alcune escursioni dal taglio più storico e artistico.

Raggiungibile in traghetto da Tortola (l’isola principale delle BVI), Virgin Gorda è nota soprattutto per una famosa meraviglia naturale: The Baths. All’interno del Devil’s Bay National Park, questa bellissima spiaggia sull’estrema punta sud dell’isola è caratterizzata da una conformazione geologica unica, essendo punteggiata da enormi massi tondeggianti di granito. Tra un gigante granitico e l’altro si formano poi delle piscine naturali (The Baths, appunto), che è possibile attraversare immergendosi nell’acqua cristallina: paradiso all’improvviso. Si può esplorare quest’area protetta anche facendo un percorso di trekking immersi nella natura, passando da Devil’s Bay e dalle grotte di The Baths, per raggiungere infine Spring Bay, ottimo punto per fare snorkelling.

Ma The Baths non è l’unica spiaggia che merita una tappa a Virgin Gorda. Appena più a nord del parco protetto di Devil’s Bay si trova Little Trunk Bay, più intima e tranquilla, perfetta per qualche ora di relax al sole. Proseguendo verso nord, a metà strada tra la città di Spanish Town e la zona nord dell’isola si trova Savannah Bay, una lunghissima spiaggia di sabbia bianca a forma di mezzaluna. Qui la bellezza delle sfumature del Mar dei Caraibi e la quiete assoluta conquistano il cuore di ogni viaggiatore. Da Savannah Bay è facile arrivare poi al Gorda Peak: raggiungibile dopo una breve escursione, il punto più alto dell’omonimo parco naturale è un ottimo view point su tutta l’isola e sull’arcipelago. Lascia davvero senza parole la vista mozzafiato su Dog Bay: tra dolci declivi verdeggianti, Dog Bay esplode in tutta la sua bellezza cromatica nelle acque cangianti, con un cuore dalle mille sfumature azzurre e verdi immerso nell’intenso blu oceanico. Infine, l’estremità nord, nota come North Sound, è perfetta per gli amanti della vela e per andare alla scoperta degli isolotti minori al largo di Virgin Gorda.

Ma anche gli appassionati delle escursioni storiche potranno divertirsi andando alla scoperta delle radici del territorio. Non lontano da The Baths, in uno dei vari parchi naturali che punteggiano l’isola, si trova Copper Mine, i resti in pietra di una miniera di rame del XIX secolo. Costuita nel 1837 sotto la dominazione Britannica, la miniera fu abbandonata nel 1862 e mai più riaperta. Per quanto non rimanga molto delle strutture orginiarie, Copper Mine merita sicuramente una visita per fare un tuffo nel passato; e c’è bisogno di dirlo che anche da questo punto dell’isola la vista è stupenda?

Per gli appassionati di arte e/o progetti ambientali, merita una menzione speciale l’iniziativa BVI Art Reef, che ha trasformato il relitto della Kodiak Queen, una delle cinque imbarcazioni da guerra scampate all'attacco di Pearl Harbor, in un’installazione d’arte sommersa e al tempo stesso in barriera  artificiale dove flora e fauna marine a rischio possono proliferare. Un progetto unico nel suo genere che riunisce in un solo sito diving la tutela dell’ecosistema marino delle BVI, incredibili esperienze di wreck diving e nuove forme di espressione artistica, grazie alla gigantesca installazione d’arte di un imponente Kraken in armatura metallica che stringe la nave nella morsa letale dei suoi tentacoli. Al BVI Art Reef si è di recente andato ad aggiungere il progetto Beyond The Reef, che ha trasformato alcuni relitti dell’uragano Irma in una barriera corallina artificiale. Affondando tre aerei in disuso rimodellati in squali metallici e la nave Willy-T, iconico bar galleggiante andato distrutto, l’intento di Beyond The Reef è duplice: dar nuova vita a queste strutture distrutte da una calamità naturale e creare una barriera corallina artificiale a beneficio dell’ecosistema marino. Il relitto del Willy-T è stato affondato al largo di Peter Island, sua dimora storica, mentre i tre aerei trasformati in squali metallici seguiranno a stretto giro la stessa sorte presso le Dog Islands, isole minori al largo della costa ovest di Virgin Gorda.

-----------

A proposito delle British Virgin Islands

Arcipelago composto da 60 isole e caratteristici isolotti, le Isole Vergini Britanniche (BVI) si trovano a circa 50 miglia a est di Puerto Rico, nell’area nord-occidentale del Mar dei Caraibi. Le isole principali sono Tortola - sulla quale sorge la capitale, Road Town - Virgin Gorda, Anegada e Jost Van Dyke. Destinazione celebre a livello mondiale, acclamata dagli appassionati di barca a vela e yachting, le BVI presentano una topografia così varia e dinamica da offrire l'opportunità unica di "saltellare" con facilità tra le varie isole che compongono l’arcipelago. Infatti, ogni isola si contraddistingue per l’etereogeneità delle sue bellezze culturali e naturali. Tra queste, troviamo l’unicità di The Baths, a Virgin Gorda; il caratteristico Anegada Flamingo Pond, che sorge sull’omonima isola; la spettacolare spiaggia di White Bay, a Jost Van Dyke; la sommità del Sage Mountain, a Tortola.Oltre agli appassionati di yachting, le BVI richiamano sulle loro coste gli amanti di snorkeling, escursionismo e turismo sostenibile nonchè coloro che desiderano vivere esperienze subacquee di rara intensità, grazie ai fondali dell’arcipelago che custodiscono alcuni dei più affascinanti relitti sommersi dei Caraibi, come il celebre RMS Rhone. Questo paradiso incontaminato, che evoca storie di pirati e gloriose epoche passate, è attualmente raggiungibile con comodi e frequenti collegamenti dalle vicine isole di St. Thomas (USVI), Porto Rico, Antigua o St. Maarten verso il Terrence B. Lettsome International Airport (EIS), l’aeroporto principale delle BVI. A partire dall’autunno 2016, le BVI saranno comodamente raggiungibili con volo diretto da Miami. I visitatori possono raggiungere l’arcipelago anche in traghetto dall’isola di St. Thomas (USVI).

 


Stampa Articolo Print Img




Ti potrebbe interessare:


Registrazione Tribunale di Messina Registro Stampa n.7 del 20 Maggio 2014
Direttore Responsabile Mimma Cucinotta - Condirettore Domenica Puleio - Direttore Editoriale Silvia Gambadoro


:: Uno Sguardo all' Europa

Lun 07 Ottobre 2019 - 10:47





0 commento/i




Registrazione Tribunale di Messina Registro Stampa n.7 del 20 Maggio 2014
Direttore Responsabile Mimma Cucinotta - Condirettore Domenica Puleio - Direttore Editoriale Silvia Gambadoro
Sede Giornale: Messina - Roma

Homepage | Foto | Video | Redazione | Disclaimer | Contatti




© Copyright 2014-2017


Feed RSS