User Pass Password Dimenticata? | Registrati

Benvenuto!

Salute allarme. Buscopan e Ranidil nella Black list di Aifa. Ritirati farmaci potenzialmente cancerogeni

Aifa, Agenzia italiana per il Farmaco, ha disposto il divieto di utilizzo di 519 farmaci – tra cui molti da banco – per il trattamento di reflusso, ulcere e bruciori di stomaco


:: Salute e Benessere

Mer 25 Settembre 2019 - 13:34


Immagine Principale



Anche Buscopan Antiacido e Ranidil nella black list dei 519 lotti di farmaci vietati da Aifa per sospetta presenza di impurità potenzialmente cancerogene. È il provvedimento che interessa tanti prodotti distribuiti su prescrizione medica ma anche per automedicazione, il cui principio attivo, la ranitidina, è impiegato per ill trattamento di reflusso e ulcere. Il divieto precauzionale segue il ritiro di 195 medicinali contenenti lo stesso principio e prodotti dalla casa farmaceutica indiaca Saraca Laboratories.

Farmaci antiacido vietati

Aifa, Agenzia italiana per il Farmaco, ha disposto il divieto di utilizzo di 519 farmaci – tra cui molti da banco – per il trattamento di reflusso, ulcere e bruciori di stomaco.

 

Si tratta di un provvedimento scattato, in via precauzionale, in attesa degli accertamenti volti a valutare la presenza di eventuali impurità dal potenziale cancerogeno che avevano già spinto – il 20 settembre scorso – al ritiro di 195 lotti di prodotti con lo stesso principio attivo: la ranitidina.

 

L’elenco completo è consultabile sul sito Aifa, dove sono spiegati i termini dell’intervento mirato ad approfondire l’analisi sui farmaci prodotti da Saraca Laboratories, azienda indiana.

Nella nota dell’Agenzia, relativamente al ritiro effettuato in precedenza, si legge quanto segue: “Il motivo è la presenza, in alcuni di questi lotti, di un’impurezza denominata N-nitrosodimetilammina (NDMA) appartenente alla classe delle nitrosammine, già rilevata nel 2018 in una classe di farmaci anti-ipertensivi (sartani)“.

 

Occorrerà valutare la presenza di questa sostanza, potenzialmente dannosa, in tutti i lotti sottoposti a divieto di utilizzo “secondo il principio di precauzione“. L’intervento, che interessa anche prodotti come Buscopan Antiacido, Ranidil e Zantac, è reso necessario per ridurre i rischi per il paziente limitandone l’esposizione.

Divieto di utilizzo in attesa di controlli

La ranitidina, come anticipato, è impiegata per lenire il bruciore di stomaco ma anche per condizioni di reflusso e ulcere. Tra i farmaci che contengono questo principio attivo figurano Buscopan Antiacido in compresse effervescenti da 75 mg, Zentiva, Zantac, Hexal iniettabile, Ranidil in fiale, sciroppo e compresse, ma anche Ulcex e Raniben in compresse e molti altri.

 

Sono tutti nomi inseriti nella black list di lotti sottoposti a divieto e da passare al vaglio delle autorità, e Aifa invita i consumatori a rivolgersi al proprio medico o alle farmacie in caso di dubbi sull’appartenenza del prodotto in uso a un lotto interessato dal provvedimento. (www.thesocialpost.it)


Stampa Articolo Print Img




Ti potrebbe interessare:


Registrazione Tribunale di Messina Registro Stampa n.7 del 20 Maggio 2014
Direttore Responsabile Mimma Cucinotta - Condirettore Domenica Puleio - Direttore Editoriale Silvia Gambadoro


:: Salute e Benessere

Mer 25 Settembre 2019 - 13:34





0 commento/i




Registrazione Tribunale di Messina Registro Stampa n.7 del 20 Maggio 2014
Direttore Responsabile Mimma Cucinotta - Condirettore Domenica Puleio - Direttore Editoriale Silvia Gambadoro
Sede Giornale: Messina - Roma

Homepage | Foto | Video | Redazione | Disclaimer | Contatti




© Copyright 2014-2017


Feed RSS