User Pass Password Dimenticata? | Registrati

Benvenuto!

Varoufakis: La Grecia ha fatto la sua parte, tocca alle istituzioni internazionali fare la loro

Atene fa un passo indietro. Pagherà Fmi come potrà

Dopo le dichiarazioni di Voutsis, nelle ultime ore cala la tensione in attesa di un accordo…

di Mimma Cucinotta


:: Uno Sguardo all' Europa

Mar 26 Maggio 2015 - 17:41


Immagine Principale



Foto: il ministro delle Finanze  del governo greco, Yanis Varoufakis

 

Dopo il Vertice di Riga che non ha prodotto alcun risultato sui  difficili negoziati tra Grecia e i suoi   creditori internazionali,  si è alzata la tensione tra questi ultimi  per l’impossibilità di Atene di rimborsare al Fondo monetario internazionale la tranche in scadenza il 5  giugno, come ha dichiarato due giorni fa il ministro dell'Interno Nikos Voutsis. "Le quattro rate per il Fondo Monetario Internazionale a giugno ammontano a 1,6 miliardi di euro. Questo denaro non sarà versato, perché non c'è".

Anche Il ministro delle Finanze ellenico, Yanis Varoufakis, ha ribadito che il suo governo ha fatto passi enormi per  arrivare ad un accordo con l’Ue, Bce e Fmi, e che un'uscita della Grecia dall'euro sarebbe “l'inizio della fine per il processo della moneta unica", il governo si è impegnato e si impegna ad attuare le riforme richieste ed allora ci si chiede perché i negoziati si arenano, il  problema , dice, è solo uno e molto semplice  “Non siamo d’accordo con il surplus di bilancio primario che i creditori pretendono”, continua  il ministro Varoufakis “Atene rifiuta di andare avanti  con l’austerity,  impostale dalla Troika, che ha sperimentato  in misura  piu’ che doppia rispetto ad altri paesi europei della periferia dell’euro, come Portogallo e Spagna, e non continueremo su questa strada che impedirebbe la ripresa e arresterebbe  la crescita, consumando la capacità dei greci di realizzare le riforme, di cui il paese ha disperatamente bisogno ”, ed  ha aggiunto   “ora è il momento che  le  istituzioni internazionali facciano la loro parte, come la Grecia ha fatto la sua, andando loro incontro  per  tre quarti del percorso, ora loro devono venirci incontro facendo quell'ultimo quarto".

 

Nelle ultime ore  le tensioni  però, sembrano scemate, e Atene fa un passo indietro rispetto alle dichiarazioni del ministro Voutsis, facendo sapere tramite il portavoce dell’esecutivo, Gabriel Sakellaridis, che sarà fatto  ogni sforzo per rimborsare il debito  del prossimo 5 giugno con il Fmi, ma che non intende pagare in unica tranche, ma plasmando il pagamento anche nel mese successivo. “Pagheremo i nostri impegni come meglio potremo. È responsabilità del governo pagare tutti i nostri obblighi”.

Il portavoce fa ancora sapere che Il premier Alexis Tsipras  resta in attesa di  un’intesa a fine maggio o inizi giugno, in un gioco di equilibrio in cui deve far bilanciare le esigenze  dei creditori internazionali e le richieste della sinistra di Syriza,  fino all'altro ieri  compatta sulle  posizioni intransigenti dell'ala estremista,  ha poi aggiustato il tiro , il partito ha infatti fatto marcia indietro sui prossimi pagamenti da fare al Fmi.  


Stampa Articolo Print Img




Ti potrebbe interessare:


Registrazione Tribunale di Messina Registro Stampa n.7 del 20 Maggio 2014
Direttore Responsabile Mimma Cucinotta - Condirettore Domenica Puleio - Direttore Editoriale Silvia Gambadoro


:: Uno Sguardo all' Europa

Mar 26 Maggio 2015 - 17:41





0 commento/i




Registrazione Tribunale di Messina Registro Stampa n.7 del 20 Maggio 2014
Direttore Responsabile Mimma Cucinotta - Condirettore Domenica Puleio - Direttore Editoriale Silvia Gambadoro
Sede Giornale: Messina - Roma

Homepage | Foto | Video | Redazione | Disclaimer | Contatti




© Copyright 2014-2017


Feed RSS