User Pass Password Dimenticata? | Registrati

Benvenuto!

Uzbekistan, le vecchie città della via della seta trasformate in città intelligenti

by Linda Gasparello, produttore e conduttore di "White House Chronicle" in PBS (Stati Uniti)


:: Esteri

Mer 04 Settembre 2019 - 09:58


Immagine Principale

Immagine PrincipaleImmagine PrincipaleImmagine Principale

Tashkent, la capitale dell'Uzbekistan, sta subendo una trasformazione ad un ritmo e una scala quasi paragonabili a Samarcanda nel 1370, quando il sovrano turco-mongolo Timur, o Tamerlano, come è conosciuto in Occidente, ne fece la sua capitale. Da un lato, Tamerlano era un brutale conquistatore che rase al suolo antiche città e mise alla prova intere popolazioni. L'impero che fondò nel 1370 e governò fino alla sua morte nel 1405 (probabilmente per un raffreddore di metà inverno, catturato mentre stava per cambiare il regime di Ming in Cina) si estendeva dalla Russia all'India e dal Mar Mediterraneo alla Mongolia. D'altra parte, Tamerlano era un geniale costruttore. Uno dei suoi successi distintivi fu Samarcanda, che cercò di rendere la città più splendida dell'Asia. "Non è difficile capire perché l'autore di" 1001 Notti "abbia fatto raccontare a Scheherazade i suoi racconti da un palazzo a Samarcanda: la città era sulla Via della Seta, viva di gente proveniente da terre diverse; era un paese delle meraviglie dell'architettura islamica e un grande centro di apprendimento ”, scrisse Srinath Perur sul quotidiano Guardian.

 

Ma nessun posto a Samarcanda rappresenta tutti e tre gli aspetti, così come il Registan, la piazza principale, i cui tre lati presentano una madrasa sfocata di piastrelle blu (collegi islamici). Nel 1888 George Curzon, viaggiatore del mondo e futuro viceré dell'India, la definì "la più nobile piazza pubblica del mondo".

                                                            

 


Mentre la maggior parte degli edifici visti intorno alla piazza furono costruiti dopo la morte di Tamerlano, non avrebbero potuto essere costruiti senza le sue città gemelle islamiche (tra cui Baghdad, Damasco e Khiva) e il suo risparmio dei loro artigiani e artigiani, che riportò a Samarcanda . Nel 1399, appena un anno dopo aver ridotto Delhi in macerie perché pensava che il sultano musulmano fosse troppo tollerante con i suoi sudditi indù, Tamerlano era tornato a costruire la sua sontuosa capitale. Una roulotte di 90 elefanti catturati fu impiegata per trasportare pietre dalle cave per erigere una grande moschea, secondo Ruy Gonzalez de Clavijo, inviato del regno spagnolo di Castiglia inviato a Samarcanda. Agli europei è piaciuta piuttosto Tamerlano perché hanno maltrattato il loro prepotente di quartiere, i turchi ottomani. Tamerlano è tornato dalle sue conquiste militari - si stima che abbia spazzato via il cinque percento della popolazione mondiale - con ispirazione architettonica e saccheggio che potrebbero finanziare il suo appetito per la costruzione a Samarcanda e in altre città. Uno dei suoi monumenti porta il proverbio, "Se vuoi sapere di noi, esamina le nostre città".

 
 Quel proverbio potrebbe guidare Shavkat Mirziyoyev, che è succeduto all'Islam Karimov come presidente nel 2016. I suoi progetti di smart city a Tashkent, Samarcanda e Bukhara, quindi, sembrano mirare a rinominare l'Uzbekistan come un paese interessato alle riforme politiche, agli investimenti economici e alle buone relazioni con il resto del mondo.

 

Javlon Vakhabov, il giovane nuovo ambasciatore dell'Uzbekistan a Washington, ha discusso in profondità di un progetto di una città intelligente, Tashkent City, in un vertice su città e comunità intelligenti organizzato da Dentons, il più grande studio legale del mondo.

 

La costruzione di Tashkent City, un centro finanziario e finanziario internazionale da 1,7 miliardi di dollari nel cuore della capitale, è iniziata nel 2018. Il progetto comprende un parco industriale, otto centri commerciali, un centro commerciale, ristoranti e un centro culturale, oltre a un quartiere residenziale appartamenti in un sito di 173 acri.

 

"L'obiettivo di questo progetto", secondo il governo, "è quello di creare un complesso architettonico nel centro di Tashkent, implementato incorporando le ultime tendenze nell'architettura mondiale e l'applicazione di tecnologie intelligenti ecocompatibili e a risparmio energetico. ”

Vakhabov ha entusiasmato il fatto che i progetti di Tashkent City abbiano già ricevuto milioni di dollari in prestiti dalla Banca asiatica di sviluppo, dalla Banca europea per la ricostruzione e lo sviluppo e dalla Banca mondiale.

 

Ma ha aggiunto: “L'Uzbekistan è un paese di 3000 anni. Abbiamo quattro città patrimonio mondiale dell'UNESCO. Abbiamo 4.000 siti altamente protetti dall'UNESCO. Dobbiamo essere sensibili a questi siti storici e adattarli a città intelligenti ".

 

"Un movimento di massa di persone dalle campagne alle città ha creato stress sull'ambiente e le infrastrutture", ha affermato. Le città in definitiva intelligenti possono alleviare tali stress, utilizzando la tecnologia dell'informazione e della comunicazione per migliorare l'efficienza, la sostenibilità e il benessere dei cittadini.

 

Nel frattempo, i progetti di smart city hanno stressato le persone. Ci sono state notizie di proteste e casi giudiziari a Tashkent per demolizioni e sfratti di abitazioni tradizionali.

 

"Per quanto riguarda il reinsediamento delle persone che vivono in case costruite dai loro antenati, dobbiamo creare condizioni più favorevoli per le persone persuase a trasferirsi in altre comunità", ha detto Vakhabov in modo rassicurante.

 

Quel proverbio potrebbe guidare Shavkat Mirziyoyev, che è succeduto all'Islam Karimov come presidente nel 2016. I suoi progetti di smart city a Tashkent, Samarcanda e Bukhara, quindi, sembrano mirare a rinominare l'Uzbekistan come un paese interessato alle riforme politiche, agli investimenti economici e alle buone relazioni con il resto del mondo. Javlon Vakhabov, il giovane nuovo ambasciatore dell'Uzbekistan a Washington, ha discusso in profondità di un progetto di una città intelligente, Tashkent City, in un vertice su città e comunità intelligenti organizzato da Dentons, il più grande studio legale del mondo. La costruzione di Tashkent City, un centro finanziario e finanziario internazionale da 1,7 miliardi di dollari nel cuore della capitale, è iniziata nel 2018. Il progetto comprende un parco industriale, otto centri commerciali, un centro commerciale, ristoranti e un centro culturale, oltre a un quartiere residenziale appartamenti in un sito di 173 acri. "L'obiettivo di questo progetto", secondo il governo, "è quello di creare un complesso architettonico nel centro di Tashkent, implementato incorporando le ultime tendenze nell'architettura mondiale e l'applicazione di tecnologie intelligenti ecocompatibili e a risparmio energetico. ” Vakhabov ha entusiasmato il fatto che i progetti di Tashkent City abbiano già ricevuto milioni di dollari in prestiti dalla Banca asiatica di sviluppo, dalla Banca europea per la ricostruzione e lo sviluppo e dalla Banca mondiale. Ma ha aggiunto: “L'Uzbekistan è un paese di 3000 anni. Abbiamo quattro città patrimonio mondiale dell'UNESCO. Abbiamo 4.000 siti altamente protetti dall'UNESCO. Dobbiamo essere sensibili a questi siti storici e adattarli a città intelligenti ". "Un movimento di massa di persone dalle campagne alle città ha creato stress sull'ambiente e le infrastrutture", ha affermato. Le città in definitiva intelligenti possono alleviare tali stress, utilizzando la tecnologia dell'informazione e della comunicazione per migliorare l'efficienza, la sostenibilità e il benessere dei cittadini. Nel frattempo, i progetti di smart city hanno stressato le persone. Ci sono state notizie di proteste e casi giudiziari a Tashkent per demolizioni e sfratti di abitazioni tradizionali. "Per quanto riguarda il reinsediamento delle persone che vivono in case costruite dai loro antenati, dobbiamo creare condizioni più favorevoli per le persone persuase a trasferirsi in altre comunità", ha detto Vakhabov in modo rassicurante.

------------------------

Uzbekistan Transforming Old Silk Road Cities to Smart Cities

Tashkent, the capital of Uzbekistan, is undergoing a transformation at a pace and scale almost comparable to Samarkand in 1370, when the Turco-Mongol ruler Timur, or, Tamerlane, as he is known in the West, made it his capital.

On the one hand, Tamerlane was a brutal conqueror who razed ancient cities to the ground and put entire populations to the sword. The empire he founded in 1370 and ruled until his death in 1405 (probably of a mid-winter cold, caught while on his way to change the Ming regime in China) stretched from Russia to India and from the Mediterranean Sea to Mongolia.

But on the other hand, Tamerlane was a brilliant constructor. One of his signature achievements was Samarkand, which he strove to make the most splendid city in Asia.

“It’s not hard to see why the author of the ‘1001 Nights’ had Scheherazade spin her tales from a palace in Samarkand: the city was on the Silk Road, alive with people from different lands; it was a wonderland of Islamic architecture, and a great center of learning,” Srinath Perur wrote in the Guardian newspaper.

But no place in Samarkand represents all three aspects as well as the Registan, the main square, three sides of which stand a blur-of-blue-tiled madrasas (Islamic colleges). In 1888 George Curzon, world traveler and future viceroy of India, called it “the noblest public square in the world.”

The Registan in Samarkand

While most of the edifices seen around the square were built after Tamerlane’s death, they couldn’t have been built without his sacking Islamic brother cities (including Baghdad, Damascus and Khiva) and his sparing their artisans and craftsmen, who he brought back to Samarkand.

In 1399, just a year after reducing Delhi to rubble because he thought the Muslim sultan was too tolerant of his Hindu subjects, Tamerlane was back to building his sumptuous capital. A caravan of 90 captured elephants was employed to carry stones from quarries to erect a great mosque, according to Ruy Gonzalez de Clavijo, an envoy the Spanish kingdom of Castile dispatched to Samarkand. The Europeans rather liked Tamerlane because roughed up their neighborhood bully, the Ottoman Turks.

Tamerlane returned from his military conquests -- estimated to have wiped out five percent of the world’s population -- with architectural inspiration and plunder that could finance his appetite for building in Samarkand and other cities.

One of his monuments bears the proverb, “If you want to know about us, examine our cities.”

That proverb could be driving Shavkat Mirziyoyev, who succeeded Islam Karimov as president in 2016. His smart city projects in Tashkent, Samarkand and Bukhara, so it seems, are aimed at rebranding Uzbekistan as a country interested in political reform, economic investment and good relations with the rest of the world.

Javlon Vakhabov, Uzbekistan’s youthful new ambassador in Washington, discussed one smart city project, Tashkent City, in some depth at a summit on smart cities and communities organized by Dentons, the world’s largest law firm.

Construction of Tashkent City, a $1.7-billion international business and financial hub in the heart of the capital, started in 2018. The design includes an industrial park, eight business centers, a shopping mall, restaurants and a cultural center, as well as residential apartments on a 173-acre site.

“The aim of this project,” according to the government, “is to create an architectural complex in the center of Tashkent, implemented by embedding the latest trends in world architecture and the application of environmentally-friendly and energy-saving, smart technologies.”  
Vakhabov enthused that Tashkent City projects have already received millions of dollars in loans from the Asian Development Bank, the European Bank for Reconstruction and Development, and the World Bank.

But he added, “Uzbekistan is a 3,000-year-old country. We have four UNESCO World Heritage cities. We have 4,000 sites that are highly protected by UNESCO. We need to be sensitive to these historical sites and adapt them to smart cities.”

“A mass movement of people from the countryside to the cities has created stresses on the environment and infrastructure,” he said. Ultimately smart cities can alleviate those stresses, using information and communication technology to improve efficiency, sustainability and citizen welfare.

Meantime, smart city projects have been stressing out people. There have been news reports about protests and court cases in Tashkent over traditional housing demolitions and evictions.

“As for the resettlement of people living in houses built by their forefathers, we need to create more favorable conditions for people persuaded to move to other communities,” Vakhabov said reassuringly.

Linda Gasparello is producer and co-host of “White House Chronicle” on PBS. Her email is whchronicle@gmail.com.

 


Stampa Articolo Print Img



Registrazione Tribunale di Messina Registro Stampa n.7 del 20 Maggio 2014
Direttore Responsabile Mimma Cucinotta - Condirettore Domenica Puleio - Direttore Editoriale Silvia Gambadoro


:: Esteri

Mer 04 Settembre 2019 - 09:58





0 commento/i




Registrazione Tribunale di Messina Registro Stampa n.7 del 20 Maggio 2014
Direttore Responsabile Mimma Cucinotta - Condirettore Domenica Puleio - Direttore Editoriale Silvia Gambadoro
Sede Giornale: Messina - Roma

Homepage | Foto | Video | Redazione | Disclaimer | Contatti




© Copyright 2014-2017


Feed RSS